Preghiera e Poesie

 

PREGHIERA DEI GRUPPI FOCLORICI E DI TRADIZIONI POPOLARI

Signore,

che hai posto la Tua mano su ogni uomo,

che consideri importante il nostro vivere,

il nostro cantare,

il nostro suonare,

il nostro danzare,

fa’ che ci sia possibile per lungo tempo onorarti

diffondendo nel mondo

la gioia di essere figli della nostra terra,

di essere bandiera del nostro popolo,

di essere tesoro delle nostre tradizioni.

Dacci la forza di mantenere salde le nostre radici,

dacci il conforto di sapere che tutto intorno,

per nostro mezzo, cresca l’amore tra tutti i popoli,

senza confini.

E Tu, Madre di Dio,

posa il tuo occhio turchino sulle nostre famiglie,

sulla nostra gente, sul nostro domani.

E che arrivi in cielo con la nostra preghiera,

l’eterna armonia del nostro cantare, suonare e danzare.

E così sia.


PER I CENCIQUANTACINCHANN DI FIRLINFEU

Hinncentcinquantacinch! Ve parenpòch?

Semm ‘dreeparlà di firlinfeu, i sòann

de quand a hinnnassuu per fà i mattòcch

in ona stalla per sonà coi cann.

On poo de òmm a s’eren miss insema

per passà ’l tempquand che vegniva sera

aveven già trovaa quel bell sistema

per restà tutti alegher, volentera.

Lor a sonaven e eren ben content

i alter a vegniven per ballà

la stalla se impieniva con la gent

se divertiven con serenità.

A l’era elcinquantòtt, quell del vòttcent,

chitarr, coi mandolin e coi tambur

sì, all’inizi a gh’era ‘sti strument

e dòpo on poo de annerenmadur

per portàinsemma a lor anca i tosann

che ballavencont i sò bei gambòtt

e se sesollevaven i sottann

elcooelghe girava, ai giovinòtt.

In tutt ‘sti annsavii s’è succeduu:

guerr, terremòt ma anca bei ròbett.

Hinnandaa su la luna e hannsavuu

inventà anca el pici coi sògiughett

e i firlinfeusempr’ a boffà in di cann,

anca se gh’eren in di saccòccpòchghei,

hinnandaa avanti ben in tucc ‘sti ann

a vess, senza ecccezion, come fradei.

A gh’hinnrivaa i costumm, ona bellezza,

e coi canzon i ballperfezionaa.

Bisogna pròpi dì che, in gran franchezza,

a l’è on gran bel vedè e on bel scoltà.

Hanngiraaelmond de chi e de là di mar

anca in America hann fa la soasfilada

hinnnò sta fermi come i paracarr

i hannvist e ben sentii ògni contrada.

Pensii che per ‘na vòlta hinn anca andaa

a fa scoltà i sòsifol fina al Papa

e se ve parenpòcch i impres che han faa

voeur dì che ghe sii minga con la crapa.

Femelacurta, adessstemm a vardà

quell che farann de bell ‘sti bravi fioeu

e a vialter ve resta de piccà

i man ai nòster bravi firlinfeu.

(Tullo Montanari)


AI FIRLINFEU D’ULGIAA

Bufà deent ai canèt

Ligà insema

Cùnt rafia

e pasiòn

Dulza musica

la vee foera

Per parlò de sogn

per fò inamurà i tusòn

Musica per regurdà

Quei che per prèm

H’an cumincia

A zifulà per pudè sugnà

De sira suta la luuna…

Un oltra emuziòn

Cùnt i Firlinfeu D’Ulgià

sempèr prunt a regalà

(Giancarlo Sala)


LA BRIANZOLA

Nel coeur de la Brianza  

tra munt, poggi, laghet,

belezz in abudanza

gh’è Olgiaa: el nost paesett.

La gent che gh’è de stanza

la viv in alegria;

la canta, sona e danza

senza malincunia.

I tusanett

cui so giuinott

fan un balet,

beven un got;

socch e marsina,

quazz, biancheria,

ecu in vedrina

Renzo e Lucia.

Busecca, pès,

vin e cazzoela:

viva el cumples

de la Brianzoela.

Tra i zifui dei dintorni

semm propi i pusé bei

e, con invidia e scorni,

me ciamen panatei.

Insemm portem avanti

I tradiziun brianzoeu;

viva el balet cui canti,

evviva i Firlinfeu.

(Autore Anonimo)